Milena Rega

Oggi presentiamo il libro di Milena Rega, “Balli di sangue” pubblicato dalla 0111 Edizioni in data 30 giugno 2020 e Finalista alla Terza Edizione del Premio “1 Giallo x 1000”.

Trama del libro: Rimini, anno 2003. La bellissima cubista Beatrice Costa vive apparentemente tranquilla, in totale indipendenza. È single e lavora come ragazza immagine in una nota discoteca della Riviera. Un giorno, però, la sua vita viene stravolta da uno stalker misterioso che la terrorizza inviandole strani messaggi. Dopo un sanguinoso omicidio, in un susseguirsi di avvenimenti che sveleranno anche alcuni aspetti del passato della giovane ballerina, un poliziotto molto scrupoloso, l’ispettore Domenico Esposito, si ritroverà personalmente coinvolto nella vicenda, nel tentativo di proteggere la donna.

Allora Milena. Parliamo un po’ del tuo libro, spiegaci com’è nata l’idea per questa storia e svelaci alcune curiosità legate alla trama:

L’idea è nata circa sedici anni fa, quando ero poco più di una ragazzina e, come tutti i giovani, frequentavo discoteche e locali. Io vivo in Romagna, e si sa, qui il divertimento e la vita notturna sono molto di spicco. Osservavo le persone nei locali, soprattutto gli atteggiamenti dei ragazzi nei confronti delle ragazze più carine. Il loro modo di porsi a volte mi divertiva e mi dava ispirazione anche per scrivere racconti brevi ambientati in riviera. In quel periodo, infatti, scrivevo molto e leggevo anche diversi thriller avvincenti. Mi piaceva in particolare Nicci French (in realtà sono due autori inglesi, marito e moglie) sia per lo stile che per le trame dei loro libri. È così che ho trovato ispirazione per iniziare la stesura di Balli di sangue, a cui inizialmente avevo dato un altro titolo, che poi ho modificato in questo attuale.

Hai dovuto lavorare molto per scriverlo, fare ricerche o informarti per questioni più tecniche?

In verità no. L’ambientazione è contemporanea e di solito non approfondisco in maniera particolare le questioni tecniche, neppure quando parlo delle indagini di polizia. È superfluo. La trama è piuttosto semplice e incentrata più che altro sulla vita privata della protagonista e su chi le sta intorno.

L’idea del titolo com’è nata?

La protagonista è una ballerina e siccome il genere è thriller, la parola sangue (riferita anche al fatto che nel romanzo si indagherà su un omicidio) mi sembrava molto adatta accostata a “balli”.

Raccontaci in breve qualcosa di te, chi è Milena nel quotidiano?

Attualmente sono mamma e casalinga. Ho lavorato per circa otto anni nell’edicola di famiglia col mio ex marito, ma nel 2014 abbiamo deciso di vendere l’attività. Nel frattempo, non ho mai smesso di scrivere. Scrivo da quando avevo sedici anni, anche se in realtà ho iniziato molto prima, alle scuole medie. Ho pubblicato un mio primo romanzo nel 1997 (Le farfalle dorate) vincendo anche un premio a un concorso letterario. Nel 2011 è stato invece l’anno di Proserpin, altro romanzo noir ambientato sulla riviera romagnola. Nel 2020, oltre a Balli di sangue, ho pubblicato anche un paio di racconti brevi durante il lockdown .

Di seguito indichiamo alcuni link d’acquisto utili per reperire il libro, sia in formato cartaceo che ebook, segnalando come sempre il nostro store online La banda del book che offre uno sconto sulla versione cartacea.

La Banda del Book

Amazon

Ibs

Bene cara Milena vuoi segnalarci dei contatti social in cui i nostri lettori possono seguirti e contattarti?

Sì, amministro una pagina Facebook Milena Rega scrittrice e lì potrete trovare altre informazioni su di me.

Ringraziamo Milena per essere stata con noi e averci presentato il suo libro “Balli di sangue”.

Per leggere un’anteprima di Balli di sangue, clicca qui sotto.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *